La Comunità educativa "La Volpe", è una struttura protetta per minori di età compresa tra 11 e 17 anni, i quali vengono allontanati dai nuclei familiari su disposizione del Tribunale per i Minorenni oppure a seguito di allontanamento d'urgenza (ex L.403 C.C.) disposto dal Servizio Sociale referente o dalla Questura. Inoltre, possono essere inseriti minori segnalati dal Servizio sociale referente con il consenso dei genitori. L'obiettivo ultimo della comunità educativa è quello di agire su situazioni di grave trascuratezza e problematiche familiari, abuso sessuale intra ed extra familiare, maltrattamento fisico e psicologico garantendo al minore protezione, tutela e elaborazione del trauma.

La comunità opera in regime residenziale e semiresidenziale.

La comunità garantisce al minore:

  • un luogo protetto dove vivere la quotidianità e soddisfare i suoi bisogni primari;
  • un'équipe professionale eterogenea (educatori, psicologi, psicopedagogisti, assistenti sociali ecc...) a disposizione;
  • l'assistenza scolastica adeguata alle specifiche esigenze con supporto e sostegno nell'apprendimento;
  • l'assistenza medico sanitaria attraverso visite e controlli specialistici all'ingresso e durante la sua permanenza in struttura;
  • il potenziamento e l'attivazione di tutte le attività extrascolastiche necessarie per la socializzazione e lo sviluppo psicomotorio;
  • un periodo di osservazione delle caratteristiche comportamentali del minore al fine di individuare ed intervenire su specifiche problematiche;
  • un supporto alla genitorialità residua;
  • monitoraggio da parte dell'équipe educativa delle dinamiche genitore-figlio durante le visite autorizzate;
  • acquisizione di informazioni utili alla valutazione del minore e della famiglia;
  • l'affiancamento durante un eventuale iter processuale (audizione protetta, visite specifiche ecc.);
  • l'attuazione di tutti gli interventi euducativi necessari alla realizzazione del Progetto Individuale all'ingresso e durante la permenenza in comunità;
  • l'affiancamento del minore in fase di dimissione dalla comunità (reinserimento familiare, o affido eterofamiliare o adozione).